Il Rolfing® è per sempre?

È da marzo che ho aperto questo blog. Vicissitudini lavorative e di vita mi hanno tenuta impegnata altrove, ma mi restava il cruccio di proseguire questo progetto, ovvero dargli una vera e propria impronta personale.

Forse sarà capitato anche a te di trovare sempre 1000 buoni motivi per giustificare qualcosa che non stai facendo. Penso, dal canto mio, che la ragione sia spesso una: è spaventoso scommettere su se stessi, darsi una possibilità, credere di poter riuscire… e ci si blocca. Si viene a creare un vero e proprio blocco energetico, spesso visibile anche ad un occhio attento semplicemente osservando la postura… e questo mi porta a ricordare un principio fondamentale del Rolfing che vede la gravità come il mezzo per ricevere informazioni sulla nostra relazione con la realtà intorno a noi: gravità—> connessione —> universo

Ascolto il mio corpo, mi riallineo, respiro e sento che sono una rappresentazione dell’universo e, come esso, ho infinite potenzialità.

Il Rolfing è, prima di tutto, un’esperienza che dura per sempre… se vuoi!

– Stay Tuned –

La saggezza dell’insicurezza

Un Rolfer™ deve potersi sentire a proprio agio con i fenomeni che sono sempre mutevoli e sempre in movimento. È questo che rende le cose difficili.

Le poche persone che possono costruire un corpo sono quelle che hanno un senso si sicurezza  nell’insicurezza. Abbiamo davvero dato dalla saggezza dell’insicurezza una componente fisica. Quando arrivate davvero al punto, la saggezza dell’insicurezza, spiega ciò di cui parlano i Rolfer: è il bisogno del corpo di un adattamento rapido.

-Ida P. Rolf-
“Il Rolfing® e la realtà fisica”